ATTUALaMENTE

History's repeating…?

Quando un'inziativa (Fondamenta 2.0 del 13 giugno 2013 e Fondamenta 3.0 del 31 maggio 2014) risveglia bellissimi ricordi confermando che in questa nostra città c'è ancora molta creatività, ciclica, a mo' di DejaVu, tutt'oggi con qualche riflessione da sollevare: 

In città non c'erano ulteriori spazi e appoggi e allora ci siamo dispersi a fare cose bellissime e riconosciute in giro per il mondo, seppur con un pò di amarezza.

Michele Brunello, 13 aprile 2013


Parlo dei ragazzi del 2000 e del 2001, si chiamavano ATTUALaMENTE (Michele Brunello, Keivan Chavosbaran, Alessandro Grande, Edoardo Luppari, Michele Prevato: a loro dobbiamo la realizzazione di eventi che meritano di essere annotati come storici in questa Venezia che agonizza nello zolfo ma soprattutto nell'apatia e nell'ignavia di cittadini e amministratori).

Il HIC ET NUNC è 'adesso', mescola sempre il passato con il futuro: sarebbe bellissimo collegarli all'iniziativa Fondamenta 2.0
A Voi che c'eravate e a Voi che state per esserci, ancora una volta per la città che amiamo:


LINEA D'ACQUA 2001 © Natasa Radovic alias Carousel


EVENTO EMERSIONI 2000
26 ottobre: La serata, oltre che occasione di espressione, vuole essere un omaggio ad un luogo che tutti viviamo ed amiamo. Le Fondamenta saranno "vestite" di una serie di scenografie, installazioni, proiezioni di video e diapositive. Saranno esposti disegni ed opere di diversi artisti. Avranno luogo letture di poesia, performances teatrali, spettacoli di danza

EVENTO LINEADAQUA 2001
18 ottobre: Cosa accadrebbe se per una sera lo spazio pubblico si espandesse fino ad invadere gli edifici e se le case aprissero le loro porte ? Casa e acqua come luoghi dell'accogliere metafora di due opposti microcosmi sociali che intrecciano l'essere e l'agire. Incontro di linguaggi apparentemente distanti tra loro ma accomunati da un rapporto intenso e consolidato con la citta' e le sue Fondamenta.

aqua1

EVENTO ORIENTAMENTI 2002
17 ottobre: Far nascere un nuovo organismo culturale che sia in grado di relazionarsi con l'ambiente che lo circonda, attraverso gli interventi sul territorio ed attraverso una fitta rete di collaborazioni e contaminazioni spontanee. Fare in modo che questo organismo prenda possesso delle funzioni senza le quali non potrebbe vivere: orientarsi, muoversi, alimentarsi, sfuggire ai predatori e riprodursi. Da qui inizia il progetto a lungo termine di AttualAmente…

Altri progetti:

MUTUS PARTY AI GIARDINI CASTELLO

IL RAVE MUTO 2004

MUTUS PARTY 2002

BALLO GALLEGGIANTE AI GIARDINI CASTELLO

Altro rispetto a produzioni VIDEO


ATTUALaMENTE versus Fondamenta 2.0 - I commenti apportati dal Facebook:

Puro Spazio Comune ripartiamo proprio dall'esperienza di quegli anni...che molti di noi hanno ancora negli occhi. e questa la dice lunga su tutto quello che (non) sia successo a Venezia da allora.

Lorenzo Pezzato Ci siamo dispersi.
E forse anche in questo è stata seguita l’intuizione corretta, in anticipo. Magari inconsciamente.
Abbiamo decentrato il Moloch, ogni sua parte ha così dovuto sviluppare da sé e per sé le funzioni necessarie alla sopravvivenza (orientarsi, muoversi, alimentarsi, sfuggire ai predatori, riprodursi), come in un lombrico fatto a pezzi, molti pezzi.
Siamo diventati nomadi, chi più chi meno.
Ma oggi il nomadismo è una componente di base delle relazioni, continuamente sconfinando all’inseguimento di una connessione al server oltreoceano, dell’informazione, dello scambio d’idee, di una voce e di un viso. Basta un clic.
Un clic che per Emersioni era molto limitato in capacità, non esistevano i social network ma il lavoro in Fondamenta ne è diventato l’antesignana espressione (concreta) mettendo in contatto persone fino a quel momento scollegate, rifugiate nell’underground ectoplasmico di una città posata sull’acqua, dove non si può scendere nel sottosuolo e tutto pare galleggiare trasportato dalle correnti, così come i flussi turistici.
Poi ad un certo punto è successo, nel migliore stile caotico di un’esondazione senza capo né coda che è entrata persino nelle case, l’anno successivo.
Venne il buio.
Ora si riaccendono le luci.
E luce sia (2.0).

Michele Brunello Lorenzo Pezzato, hai impresso in queste righe tutta la pionieristica forza di quanto fatto e l'inevitabile potenza di quanto non fatto. Il progetto artistico/poetico/politico/sociale/spaziale/visivo/performativo e musicale del quale, assieme ad altri, siamo stati artefici, nella sua radicalità e innovazione conteneva molte della questioni creative, politiche e generazionali che oggi ci soffocano/annegano in tutti i campi. Ossigeno puro di cui oggi si sente nuovamente il bisogno per sopravvivere. Prendersi spazio, in tutti i sensi, perchè è nostro e nessuno lo regala. Venezia e la fondamenta è, ed è stata, un'ottima metafora. Per cui bravo Puro Spazio Comune . Rimane il dubbio che tutto quanto fatto, oggi come ieri, si rivolga e venga realizzato su piattaforme sociali e istituzionali che non sanno ascoltare e capire le forze propulsive del futuro, o non ne siano semplicemente interessate. E quindi il futuro spesso si alllontana. Quindi nuove forme di rappresentazione (dell'arte e del potere) ma anche nuove forme di organizzazione (dell'arte e del potere)! Se vi servirà una mano, ragazzi, siamo a disposizione!

© carousel loader dal 1992 e speriamo ancora