Pesci volanti

1393924 10201128574120128 1483699703 n

Foto di Claudio Barbiero del 17 ottobre 2013

L'identificazione tuttora ignota - almeno finché qualcuno non ci porta qualche esemplare in museo da analizzare

Exocoetus volitans è più comune in Atlantico mentre in Mediterraneo (e in Adriatico) sono più comuni altre specie, potrebbe essere una di queste:

Cheilopogon heterurus

Hirundichthys rondeletii

Qualche info anche qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Exocoetidae

E' qualche mese che è stato segnalato da queste parti, in laguna credo sia "nuovo"... 

Quello fotografato sembrerebbe avere le "ali" rossastre però, per cui ancora non sappiamo che specie sia esattamente, anche se sembra indubbio che appartenga alla famiglia "Exocoetidae"...

Restiamo in attesa di sviluppi...

Dr. Nicola Novarini
Sezione Erpetologia e Ittiologia delle Acque Interne
Museo di Storia Naturale



In laguna arrivano i pesci volanti
I biologi: «Evento straordinario»

Non era mai successo. Il Museo di Storia naturale di Venezia raccoglie materiale per studiare il caso

VENEZIA — Dopo la foca monaca arrivano nella laguna delle stranezze i pesci volanti. Non serve più andare in alto mare o in oceano per vedere i piccoli pesci conosciuti per i loro lunghi salti, adesso basta prendere una barchetta e avventurarsi in laguna.

Così dal profondo del mare, il loro habitat naturale, sono arrivati per la prima volta fin qui. Negli ultimi dieci giorni sono stati visti non solo vicino alle bocche di Porto, ma anche nelle zone più interne. Canale della Giudecca, addirittura nella darsena di via Torino, a Mestre. L’ultimo avvistamento risale a giovedì, nella darsena del canale ovest di Marghera. Claudio Barbiero ha la barca proprio lì: «Mentre passeggiavamo con il guardiano sui pontili della darsena li abbiamo visti. Erano tranquilli, sembravano riposare, hanno girato un po’ tra le barche assieme ai cefali e poi si sono allontanati in direzione Fincantieri». Le segnalazioni hanno lasciato a bocca aperta gli esperti. Mauro Bon, biologo e faunista del Museo di Storia Naturale di Venezia, ammette: «All’inizio non potevamo che essere scettici, poi abbiamo visto le foto, sono proprio pesci volanti, non erano mai stati segnalati in laguna prima». Ora al Museo si stanno raccogliendo materiale e dati per studiare il caso. Marco Favaro, dell’Osservatorio della laguna, ipotizza: «La presenza di pesci abituati a vivere a molte miglia dalle coste è sintomo della marinizzazione della laguna, evento sconvolgente».

Corriere del Veneto, 18 ottobre 2013


© carousel loader dal 1992 e speriamo ancora