I capannoni Porn Pavilion

Sono anni che navigando il canale di Scomenzera ci passiamo dinanzi ai capannoni schierati sulla riva opposta dell'imbarcadero di Santa Marta, quei capannoni abbandonati che qualcuno ha dipinto, trasformandoli in farmacia, negozio dell'Adidas, Spar, lotteria, stazione dei Vigili del fuoco... Sono anni che li guardiamo tutti, sorridendo, ma non ricordiamo, non sappiamo chi li ha resi così diversi... Ci ho messo un po' a scoprire la storia seguendo la traccia del 'sentito dire': si sapeva che c'entrava la Biennale di qualche anno fa ma nella sede non sapevano dirmi molto. Fino a che non ho appellato un caro amico che ne sa una più del diavolo su tutte le edizioni della Biennale. Grazie R! Credo ne valga davvero la pena condividerla e riconoscere il regalo che l'artista Uwe Jaentsch ci ha fatto.


PORN PAVILION  di Uwe Jaentsch

E' la prima volta nella storia della Biennale che un'artista crea un'opera usando come tela le stesse pietre della città riqualificando una struttura, la ex Stazione Orient Express nel quartiere di S.Marta, in disuso da decenni creando un 'Villaggio Virtuale' in un contesto assolutamente inerente al tema della Biennale Arti Visive 53 - Fare Mondi / Making Worlds. L'opera è stata come d'incanto realizzata in una notte.

Uwe Jaentsch classe 1970 attivo a Palermo da 10 anni: A Venezia come a Palermo ha donato la sua opera alla città ai suoi abitanti e ai suoi passanti, un'opera a cielo aperto visitabile giorno e notte.

Il titolo “Porn Pavilion” riflette la visione che l'artista ha del padiglione siciliano e fa riferimento all' opera di Piazza Garraffello a Palermo degli anni 1999-2007.

Palermo Venezia / Venezia Palermo amate da un'artista austriaco che da una città d'acqua si muove verso una città d'acqua diventando messaggero della globalizzazione rispecchiando l'umanesimo e la filosofia della cultura Greca.

Il Porn Pavilion costituisce con una lunghezza di 66 metri (ed un´altezza di 5,4 metri ) il padiglione d´arte più lungo della Biennale di Venezia. Illuminato da luce industriale arancione, può essere visitato anche di notte.

Video della realizzazione dell'opera.



Détournement Venice 2009

Una passeggiata nella memoria – itinerario d’arte contemporanea nella città di Venezia. Diversi siti. Quasi trenta siti storici, circa cento artisti provenienti dai cinque continenti.

curatori: Ada BloomfieldWolf Günther ThielMichal MeronGabriele PerrettaJuan Puntes,Regula Tschumi

autori: Kudjo AfutuDaniel Amun JasperBasmati (Audrey CoÏaniz - Saul Saguatti)David Behar PerahiaEnrico BentivoglioEnzo BerardiChristian BoltanksiPeter BriggsMarcel BroodthaersTullio BrunoneNicola CarrinoLawrence CarrollCastMassimo Contrasto CittadiniFrancesco CorreggiaHanne DarbovenDomenico DavidStefano Di StasioMark DionJean DubuffetMarcel DuchampHelga ElbenMaurizio ElettricoEmilio FantinOmar GallianiMarcella GallottaSalvatore GarauIsa GenzkenAlberto GiacomettiPaolo Grassino,Lorenzo GuerriniAnn HamiltonKay HassanNikolaus HirschKurt HofstätterJeffrey Isaac,Won Ju LimUwe JäntschAnish KapoorKwao KinsleyValery KoshlyakovMischa Kuball,Wolfgang LaibLime_ArtMaya LinRichard LongLello LopezVladimir MajakovskijMonica MarioniGiò MartoranaAntonello MatarazzoG.P. MutoidBarbara NahmadMaurizio NannucciHeinrich NicolausHermann NitschOswald OberhuberAtaa OkoLuca Maria Patella,Antonello PellicciaLia PerjovschiRicarda PetersThomas RedlJosef RobakovskiAlfredo RomanoNicola SalvatoreIvano SassellaSilvana ScarpaSusanne SchurichtSlava Seidel,Raimundo SesmaYuan ShunRoth StauffenbergVivan SundaramStefan SzczesnyIrina Tarkhanova YacubsonNello TeodoriSilvano TessarolloMarco TirelliTommaso TozziJames TurrellKristian von HornslettFranz WestAi WeweiRachel WhitereadIrmfried Windbichler,Kan Yasuda

patrocini: Con il patrocinio di Provincia di Venezia, Comune di Venezia, Ambasciata d’Australia, Ambasciata d’Austria,Ambasciata di Germania, Ambasciata d’India, Ambasciata della Repubblica del Sud Africa, Ambasciata dellaRepubblica Popolare Cinese, Consolato Generale di Germania a Milano, Consolato Onorario di Ghana a Napoli, Goethe
Institut di Roma, Institut Français di Milano, Istituto Lermontov – Istituto di Cultura Slava, Istituto Polacco di Roma,Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificat

note: Eventi Collaterali
53. Biennale d´Arte. Ideazione e supervisione progetto: Elisabeth Sarah Gluckstein e Gabriele Perretta. Coordinamento generale: the art & architecture factory, Venezia. Percorso espositivo e architettura della mostra: Gluckstein & Bloomfield. Giugno: Molino Stucky, Archivio di Stato, Abbazia della Misericordia, Agenzia delle Entrate (Ex Convento SantoStefano), Ospedale e Ospedaletto di San Giovanni e Paolo, Ospedaletto di San Lorenzo, Palazzo Albrizzi, Caserma
Cornoldi, Area Industriale piccola velocità (Santa Marta), Villa Hériot, Ex Deposito Librario dell’Istituto Veneto diScienze Lettere ed Arti, Palazzo Vendramin (Ca’Foscari), ScalaMata Exhibition Space, Teatrino Groggia, TeatroJunghans, San Sebastiano (Ca’ Foscari). Settembre: Campo del Ghetto Novo (Ghetto Ebraico), Aree verdi (Molino Stucky), Telecom Future Centre (SanSalvador), Galleria Leone da Modena, Itinerario delle Chiese (Chiesa dei Carmini, San Pietro in Castello, SanFrancesco della Vigna, Sant’Alvise, San Giobbe, San Niccolò dei Mendicoli, San Sebastiano, San Lio, Chiesa di SantaEufemia, Chiesa del Redentore)

cap1
cap2
cap3

© 2012 Carousel Loader


© carousel loader dal 1992 e speriamo ancora