Fuori le maxinavi dal bacino di San Marco

cngn

Comunicato inviato agli organi d'informazione locali:

Cari colleghi,
il Comune avvierà domani la campagna informativa descritta dal comunicato allegato. Benissimo: l'inquinamento elettromagnetico è tanto più pericoloso quanto più quotidiano e silente! Esattamente come avviene a causa dei radar delle navi da crociera che quando passano per il Bacino di San Marco e per il Canale della Giudecca, cioé per almeno 2000 volte all'anno, scaricano sui cittadini veneziani una quantità di onde elettromagnetiche che nessuno ha mai misurato, tenendo perpetuamente accesi i radar di bordo. E ciò, non in presenza di nebbia ma anche durante giornate limpidissime e dalla visibilità perfetta. Spesso, i radar contemporaneamente in funzione sono due, se non tre. Risulta che i vigili del fuoco, che hanno una centralina che rileva il superamento dei limiti di inquinamento elettromagnetico fissati dalla legge, siano intervenuti più volte e puntualmente presso la Capitaneria di Porto, senza che la prassi, totalmente indifferente alla salute dei cittadini, sia mai stata scalfita.
Chi passeggia alle Zattere o in Riva degli Schiavoni - donne incinta, mamme e bambini in carozzella, anziani - non lo sa o non ci pensa, ma ogni volta che passa una nave da crociera si prende la sua bella dose di radiazioni ionizzanti, con tutti i rischi che ciò comporta e che il comunicato del Comune bene illustra.
Invitiamo dunque il Comune a estendere la sua meritoria campagna informativa, che potrebbe prendere il nome "Quando passeggi proteggiti dalle navi da crociera", cominciando ad esempio a portare una delle centraline per il monitoraggio dei campi elettrici a radiofrequenza citate dal comunicato anche lungo il percorso urbano delle navi da crociera. Anzi, l'ideale sarebbe che il Comune promuovesse un vero studio sull'inquinamento elettromagnetico prodotto dal crocerismo, cosa che il sindaco, responsabile per legge della salute dei cittadini, non ha ancora pensato di fare. Visto che non ci ha pensato, glielo suggeriamo noi, anticipando che anche di questa mancanza faremo contenuto di un puntuale esposto alla Magistratura.

Comitato NO Grandi Navi - Laguna Bene Comune

Silvio Testa
Portavoce del Comitato

347 - 9727101
041 - 0994678 


COMUNICATO STAMPA

Elettromagnetismo: al via dopodomani la campagna informativa 
“Quando telefoni accendi la mente”

Al via dopodomani, giovedì 24 maggio, la campagna informativa “Quando telefoni accendi la mente” che l'Assessorato comunale all'Ambiente e Città sostenibile ha deciso di lanciare per sensibilizzare gli utilizzatori dei telefoni cellulari ad un uso accorto, secondo un principio di precauzione.

Alcuni studi epidemiologici hanno infatti evidenziato che potrebbe esserci una relazione fra l'utilizzo prolungato di cordless e cellulari e l'insorgere di alcuni tumori: in attesa dei necessari approfondimenti di tali ricerche risulta importante attivarsi nell'immediato per ridurre il più possibile l'esposizione dei cittadini - e in particolare delle giovani generazioni – ai campi elettromagnetici connessi a questi dispositivi elettronici.

La campagna si articolerà attraverso l’affissione di manifesti e locandine con titoli ad effetto, la distribuzione di volantini che riportano in dettaglio tutte le informazioni e il coinvolgimento delle scuole attraverso interventi mirati nelle classi. Gli incontri in classe saranno condotti da tecnici specializzati e si terranno giovedì 24 e venerdì 25 maggio in 45 classi di scuole del territorio comunale di ogni ordine e grado, che hanno dato la loro adesione alla campagna (saranno un migliaio gli studenti coinvolti), per poi riprendere con il nuovo anno scolastico 2012-2013. A tutti gli studenti sarà consegnato il depliant “Quando telefoni tieni accesa la mente”, mentre alla scuola primaria verrà anche fornita una guida informativa dal titolo “Scopriamo insieme…l’elettromagnetismo”, realizzata dal Comune di Venezia in collaborazione con Arpav. 

Inoltre la Direzione Ambiente del Comune di Venezia, in collaborazione con Arpav, mette a disposizione una serie di centraline per il monitoraggio dei campi elettrici a radiofrequenza (emessi da impianti di telefonia mobile e impianti radiofonici) presenti nel territorio comunale. Grazie a tale progetto è possibile richiedere a titolo non oneroso l’installazione di una centralina presso la propria abitazione o luogo di lavoro per rilevare l’impatto elettromagnetico presente in quella zona.

Per informazioni più dettagliate cliccare sul sito 
www.ambiente.venezia.it, scrivere a educazione.ambientale@comune.venezia.it, o telefonare allo 041 274 8274/ 9870.

© carousel loader dal 1992 e speriamo ancora