Stanotte arrivano le Bootidi, le meteore di fine giugno

Le notti di giugno sono particolarmente corte, sicché c'è davvero poco tempo per cimentarsi nell'osservazione del profondo cielo, dominato dalla splendida Via Lattea estiva. Essa è stracolma di oggetti deboli estremamente interessanti: ammassi stellari aperti e globulari, nebulose diffuse e planetarie, stelle doppie, triple e multiple. Se avete la fortuna di possedere un buon binocolo da marina, utilizzatelo per scrutare il candido pallore della Via Lattea estiva, trapuntata di stelle e stelline: sotto cieli limpidi e bui, è uno spettacolo mozzafiato!

Le Bootidi
Questo mese, gli amanti delle meteore possono tentare di osservare le cosiddette Bootidi di giugno. Si tratta di 
uno sciame meteorico visibile dal 26 giugno al 2 luglio dall'andamento assai altalenante, che produsse un bello spettacolo nel 1998 e, in misura minore, nel 2004. Con ogni probabilità, prima del 1998, queste curiose meteore furono osservate soltanto negli anni 1916, 1921 e 1927. Che cosa si vedrà nel 2012? È difficile dirlo. Chi vorrà cercare di dare una risposta a questa domanda farà bene a scrutare il cielo soprattutto nelle notti a cavallo di mercoledì 27 giugno, anche se il disturbo della Luna sarà notevole...

L'orbita della nostra Terra incrocia nella giornata del 26 giugno il percorso della 7a cometa periodica conosciuta: si tratta della 7P/Pons-Winnecke un astro chiomato dal periodio di rivoluzione intorno al Sole di circa 6 anni. E pro  prio ogni 6 anni lo sciame presenta un aumento cospicuo di attività. 

skymap north med

La costellazione settentrionale di Boote (il Bifolco) è facile da trovare perché ospita la brillante stella arancione Arturo, la più luminosa dell'estate e la quarta in classifica, relativamente tra le stelle visibili ad occhio nudo.  Il radiante - punto nel cielo dove le meteore sembrano provenire da - si trova a circa 30 ° (un sesto del modo attraverso il cielo) a nord-nord-est di Arturo. Il radianti delle Bootidi è alto nel cielo del nord in prima serata anche se purtroppo, la più alta percentuale di meteore si verifica un paio d'ore prima dell'alba. 


© carousel loader dal 1992 e speriamo ancora